LA COOP SEI TU ?? EEEERI TU…

http://www.legnanonews.com/news/1/39855/

Lo spunto stavolta nasce dall’ennesima ‘chiusura’, una chiusura, anzi due, che fanno più chiasso degli altri, perchè un piccolo supermercato di zona faceva comodo a molti, se non a tutti…Ma facciamo un po di ordine…Legnano è una città che ha alcune particolarità: nel dopoguerra, i socialisti furono i primi a sfruttare l’idea del piccolo supermercato zonale e le cooperative Avanti, poi Sleva, diventarono un punto di riferimento in tantissimi punti della città che man mano si stava sviluppando verso le periferie. Iniziarono a bussare le grandi catene di distribuzione e in Legnano, solo il Bennet riuscì ad insediarsi nella vecchia sede di Corso Italia sotto i portici che conducono a piazza Mocchetti… I GdO, non pregarono i nostri integerrimi amministratori, iniziarono ad insediarsi ai confini della città. ci fu dapprima SMA e UPIM  sul confine con San Vittore Olona e nei primi anni ’70 arrivarono la Standa e l’Esselunga/ Gamma al confine con Castellanza, ciò che oggi è Gigante e nuovo bazar cinese alla super rotonda…Poi, le regole pian piano svanirono, si trasformarono e dopo aver detto NO a finIPER per una grossa struttura dietro l’INPS ( il TAR poi diede ragione a loro e ad oggi potrebbero costruire un altro iper da 7000 mq di vendita) abbiamo visto di tutto, GS a San Giorgio, Grancasa, Mercatone Uno, Obi, Auchan, Discount con sigle varie, Comprabene, Pellicano…Insomma in questi ultimi 30 anni ben 26 grandi superfici hanno invaso Legnano e altre ai confini, tanto da considerarsi come ‘nostre’… I ‘piccoli’ hanno cominciato a chiudere, le periferie si sono irrobustite, sono anche aumentate, ma negozi di vicinato pochi e quei pochi con l’ultima botta di 3 ESSELUNGA in un colpo solo, (sabotino-centro e castellanza) sono definitivamente scomparsi. Cominciano a cedere anche le medie superfici, perchè , mi diceva un’amica : “ogni foglia fa la propria ombra” e con una popolazione sostanzialmente stabile, l’arrivo di nuove ‘proposte e superfici commerciali’, giocoforza fa morire i più deboli… E guardacaso, i più potenti fanno morire i più deboli che magari sono anche i migliori, ma la legge del mercato, non ammette deficit numerici. E di fronte a questo surplus di superfici commerciali, qualcuno sogna ancora Ikea con l’ennesima galleria commerciale, l’ultima follia dei nostri vicini di casa di Cerro Maggiore…Per favore, cerchiamo di caPIRLA : non ci servono altre superfici commerciali, ci servirebbe piuttosto ravvivare i quartieri periferici come Olmina, Canazza, S.Paolo o Mazzafame, la nostra Legnano ha bisogno di un’idea fantastica per il futuro, per rimanere una Grande Città. Io l’idea ce l’ho, datemi un finanziatore che vi solleverò il mondo !!

Lascia un commento