CENTINAIO HA RISPOSTO

A distanza di una settimana dal confronto mancato, sono arrivate le 21 risposte da parte di Alberto Centinaio, pubblico di seguito  i quesiti, con le relative risposte, in attesa che anche Giambattista Fratus faccia lo stesso….

                                foto Legnanonews


1. Quando vi metterete in moto per sostenere il progetto
della realizzazione del palazzetto dello sport integrandolo con quello di
Castellanza?

Il progetto di valorizzazione e ampliamento del
PalaBorsani per trasformarlo in un vero e proprio palazzetto dello sport
presuppone l’acquisizione e rifunzionalizzazione di alcune aree circostanti, in
particolare l’area ex VM Petroli. Sarà un impegno prioritario ma fissare oggi
una tempistica sarebbe prendere in giro i cittadini.  

2. Anche la formazione della Giunta interessa ai
legnanesi, i contrappesi dei partiti sono stati stabiliti dalle votazioni del
primo turno, chi saranno i vostri Assessori?

E’ prematuro fare
dei nomi. Oggi tutti gli sforzi sono per raggiungere l’obbiettivo della
vittoria al ballottaggio. Necessariamente non tutti i miei collaboratori
potranno essere quelli di prima in quanto la legge impone la presenza di almeno
tre donne. Un’altra delle mie attenzioni sarà di inserire elementi giovani in
grado di portare aria fresca in Giunta.      

3. Odio quei fienili del castello distrutti, servono poco
più di 500 mila euro per sistemarli, chi si sente di promettere che entro il
2020 quel luogo sarà definitivamente reso fruibile?

Quei ruderi non piacciono neppure a me e sono consapevole
che è necessario metterci mano per recuperarli. Parlare oggi di cifre e di
tempi è però prematuro se prima non viene definito un preciso e dettagliato
piano di recupero. 

4. A Legnano si spendono solo 200 mila euro per le
riparazioni di strade e marciapiedi. Siete disposti a raddoppiare la cifra per
avere i nostri 160 km di strade meno fatiscenti?

La cifra indicata si riferisce alle piccole manutenzioni
gestite da EuroPa. Quanto speso dall’Amministrazione comunale per migliorare le
strade di sua competenza ammonta in realtà a svariati milioni suddivisi in più
tranche. Sono interventi in parte già attuati ed altri già programmati. Ricordo
che abbiamo dovuto mettere mano ad una pianificazione dopo che per molti anni
nulla era stato fatto in tal senso.         

5. Bretella di via Liguria, la vogliamo aprire togliendo
le odiose telecamere per rendere il quartiere più integrato al resto della
Città?

La bretella, se i
cittadini lo confermeranno, resterà chiusa per impedire che il quartiere San
Paolo venga invaso dal traffico. I permessi di transito già accordati ai
residenti e ai dipendenti del vicino ospedale resteranno.

6. Cimitero parco, negli anni passati, troppo spesso
abbandonato a se stesso con denunce continue dei cittadini. Siete disposti a
migliorare il budget su quel settore per avere sempre un prato inglese e non
una foresta?

Il giudizio sullo stato di manutenzione del verde al
Cimitero Parco è ingeneroso. Certamente si può fare di più e meglio,
compatibilmente con le risorse disponibili che andrebbero incrementate.
L’ipotesi di un giardino all’inglese non è praticabile a causa delle condizione
climatiche non favorevoli in un contesto di simili dimensioni.  

7. Il verde cittadino, i cestini della spazzatura
sono spesso, troppo spesso abbandonati e svuotati poco regolarmente, promettete
un’azione di rinforzo sul decoro urbano?

Sono problemi reali che rendono necessario un
ripensamento sulla gestione di tali servizi oggi in appalto a AMGA. Occorrerà
anche rinforzare il “Nucleo di intervento rapido” e il contratto con ALA per
garantire maggiore pulizia dei marciapiedi istituendo un servizio speciale il
sabato e la domenica concentrato nelle zone dove si trovano locali notturni e
grandi parcheggi. Il progetto prevede anche una distribuzione di cestini e
posaceneri nelle vicinanze di bar e locali. 

8. Per la sicurezza, pattuglia notturna ed esercito che
monitori la città, periferie comprese, vi sentite di promettere qualcosa fin da
subito?

Il mio programma prevede l’estensione di una
pattuglia notturna di Polizia Locale da realizzarsi in collaborazione con i
Comandi dei Comuni limitrofi.
I
militari sono stati da me più volte richiesti al Prefetto dopo che la pattuglia
era stata tolta in occasione dell’Expo. Mi è stato risposto che al momento non
ci sono disponibilità. Non posso fare altro che prenderne atto, seppure con
rammarico. Prevedo inoltre di lanciare un servizio di forze dell’ordine in
pensione per il monitoraggio e la sicurezza davanti alle scuole medie e
superiori.     

9. Se avessi governato con Ornella Ferrario sindaco,
avrei in 5 anni trasformato almeno 2 strutture come il Campo dell’Amicizia e il
Pino Cozzi, in due centri sportivi d’avanguardia con l’aiuto dell’ intervento
privato. Voi invece cosa intendete fare?

E’ un’ipotesi di lavoro sicuramente interessante che
ricalca quanto già fatto con i campi di calcetto nell’area dello Stadio Mari e
di imminente apertura. Oltre al Campo dell’Amicizia e al Pino Cozzi, è
opportuno prendere in considerazione anche la pista d’atletica di Mazzafame.  

10. Museo d’arte moderna Pagani: lo sapete che esiste e
che Enzo Pagani lo fondò soprattutto per la nostra città? Noi lo abbiamo
praticamente dimenticato. Vi impegnate assieme ai comuni limitrofi per far
rinascere questa ‘perla’ invidiataci da tutto il mondo?

L’assessore alla Cultura ha già avviato da tempo contatti
con il Comune di Castellanza (sul cui territorio si trova il museo) e con gli
eredi di Enzo Pagani per definire un progetto di rilancio del Museo d’Arte
Moderna.    

11. Il vecchio sindaco Vitali osò con Rodin nel 2011, fu
molto criticato, anche da me, ma se Legnano vorrà uscire dal provincialismo, un
paio di mostre importanti in 5 anni le deve fare, per forza…. Cosa ne
pensate?

Con il costo della sola mostra dedicata a Rodin,
l’amministrazione comunale è oggi in grado di realizzare la quasi totalità del
programma culturale di un intero anno. I vincoli attualmente in vigore non
consentono più di poter sostenere spese di quell’entità e tipologia. A fronte
di questa situazione è necessario fare delle scelte e individuare delle
priorità. Ciò non vuol dire rinunciare a volare alto. L’accordo con il MAGA di
Gallarate ci ha consentito di portare in città mostre di rilievo di pari
dignità rispetto a quelle del passato.      

12. Olona, l’avvocato Brumana ha lanciato una
bellissima iniziativa a salvaguardia del fiume, chi di voi è disposto a cedere
una delega specifica affinché si possano raggiungere risultati positivi sulla
salute del fiume?

E’ innegabile che
l’azione del gruppo “Amici dell’Olona” ha contributo a riportare d’attualità il
tema del recupero del fiume. E’ un problema che non si può affrontare e
risolvere in sede esclusivamente locale. Occorre infatti definire strategie in
grado di coinvolgere più soggetti pubblici e privati. Il Comune di Legnano farà
tutto quanto è in suo potere per favorire quelle iniziative in grado di
migliorare la nostra qualità della vita. In particolare, Legnano ha anche mosso
i primi passi per realizzare il Parco Fluviale dell’Olona. L’ipotesi di cedere
una delega specifica è da valutare attentamente nel contesto di una valutazione
complessiva relativa alla più ampia delega all’ambiente. In conclusione: è
un’ipotesi che va studiata per non creare inutili conflitti di competenze.       

13. Abbasserete le tasse sugli immobili e ridurrete
drasticamente la Tari per le imprese industriali e commerciali?

Con
l’approvazione del Bilancio di previsione 2017/2019 sono state inserite alcune
novità che puntano a favorire le imprese e il commercio. E’ prevista la
conversione dell’IMU in TASI in modo da rendere l’imposta detraibile. Chi
inoltre decidesse di ampliare la propria azienda o inserire un nuova attività
produttiva in un’area dismessa potrà beneficiare per cinque anni della totale
esenzione della TASI e della TARI. Riduzione della TARI fino a 500 euro
all’anno per 2 anni a quegli esercizi commerciali che decidessero di eliminare
le slot machine dai loro negozi.  

14. Non vi chiedo nulla sull’accoglienza dei profughi
prossimi venturi, so già che la pensate in modo diametralmente opposto, la
gente si è già fatta un idea… Ma se sarete obbligati dal prefetto, come
reagirete?

Come
ho già avuto modo di dire in più occasioni, la firma del protocollo con la
Prefettura è l’unica strada per poter coordinare e gestire l’eventuale arrivo
di profughi in città. Non firmare aprirebbe la strada ad insediamenti senza
controllo che potrebbe rimettere anche in gioco la soluzione della caserma
Cadorna che nei mesi scorsi sono riuscito a scongiurare. Questo è un problema
che va affrontato senza demagogia e con concretezza
.

15. Arena mobile, un altro tema molto sentito: vi
metterete al lavoro subito per tentare di realizzare il progetto già dal 2018?

Previa valutazione di sostenibilità (economica,
gestionale, ambientale, logistica e normativa), sosteremo l’iniziativa per la
realizzazione di una struttura in grado di ospitare lo svolgimento del Palio ed
eventi che possano far acquisire visibilità a livello regionale e nazionale
alla nostra città, portando indotto economico-commerciale alle realtà produttive
del territorio.  

16. La Segretaria Generale rimarrà la dottoressa
Vimercati o unirete la figura del direttore organizzativo alla Segretaria
Generale?

Premesso che questa materia è soggetta a continue
evoluzioni derivate dalla cosiddetta Legge Madia, l’esperienza degli ultimi
anni, per altro consolidata nel nostro Comune da almeno 12 anni, ha dimostrato
che le due funzioni non sono sovrapponibili. Nel caso del Direttore le
competenze riguardano attività gestionali e attuazione degli obiettivi programmatici,
per il Segretario Comunale la legittima degli atti e la legalità dell’azione
amministrativa. Segnalo inoltre che, negli ultimi anni, il Direttore
Organizzativo, ha anche gestito deleghe di spesa diretta. In conclusione, il
problema non sono le sigle ma le funzioni e i compiti da svolgere.

17. Il Pgt è un
oggetto sconosciuto dalla moltitudine dei cittadini, ma muove economia sul
territorio, il pgt è stato modificato da Centinaio poco fa e creato nel 2011 da
Fratus, come la mettiamo per il futuro?

Essendo entrato in vigore da poco, non vedo la necessità
di rimetterci mano.

18-19. E della centrale a biogas-biometano cosa ci
volete raccontare? Con Amga si continuerà l’opera di aggregazione dei Comuni?

Amga è tornata in buona salute, produce profitti e crea
nuova occupazione. Non è più l’azienda sull’orlo del fallimento che ho trovato
al mio insediamento. Le prossime scadenze sono la realizzazione dell’impianto
Forsu in via Novara, l’avvio della raccolta puntuale che permetterà di
incrementare la raccolta differenziata e la ricerca di partner industriali per
condividere gli investimenti per poter sviluppare ulteriormente il
teleriscaldamento. Si continuerà inoltre nell’opera di aggregazione di nuovi
Comuni.

20. Vorrete spendere denaro per sviluppare progetti per
la  ex Manifattura di Legnano e per la ex Franco Tosi?

E’ ben non
dimenticare che stiamo parlando di due aree che non sono di proprietà comunale.
Nel primo caso è indispensabile l’avvio di un projet pubblico/privato come
precondizione per la sua acquisizione, nel secondo è già disponibile un piano
di recupero che permette di conciliare insediamenti produttivi, residenziali e
tanto verde pubblico.  

21. Un’ultima cosa: la biblioteca del
terzo millennio nell’ex tribunale, è un progetto che inizierete o rimarrà nel
limbo? Entrambi avete fallito sulle ex fonderie, ora questa è la nuova
possibilità, la biblioteca attuale ha troppi deficit strutturali.

Il mio programma
prevede la realizzazione della biblioteca nella sede dell’ex tribunale. Voglio
precisare che non sarà una biblioteca tradizionale ma un luogo di aggregazione
culturale. Essendo l’edificio di proprietà comunale, nulla impedisce di avviare
in tempi rapidi i lavori. Non è corretto parlare di “fallimento” del progetto
relativo alle ex fonderie Tosi. Il tutto – e la cosa era risaputa fin
dall’inizio – era collegato alla possibilità di vendere l’area da parte della
proprietà. Ciò non è stato possibile, a causa della crisi del settore
immobiliare, e di conseguenza il progetto biblioteca non è decollato.   

Potrei andare avanti, ma forse non devo esagerare, sto
ancora aspettando il destino degli oltre 500 mila euro che l’ex assessore Elio
Crespi ha donato al Comune nel 2015.

I tempi previsti dalla legge per le
successioni ereditarie non sono stabiliti dal Comune. Noi abbiamo fatto tutti i
passi previsti ed a breve la cifra sarà disponibile. Circa la destinazione di
quel denaro lo strumento del Bilancio Partecipativo permetterà di coinvolgere i
cittadini nel decidere la sua destinazione.  

Alberto Centinaio

4 Comments

Lascia un commento