ACQUA GIALLA, ACQUA CHIARA ED IL BUIO IN VIA NOVARA

Oggi 15 marzo, la giornata è partita col botto e finita col buio e adesso vado a spiegarvela: alzandomi dal letto, la prima cosa che ho ascoltato da mia moglie è stato il mistero dell’acqua gialla tendente all’arancio, sgorgata dai rubinetti di casa questa mattina verso le 6,30, dopo colazione, apro facebook e l’amico Fabio Riccio pone il problema con tanto di foto: anche a casa sua acqua colorata dal rubinetto di casa… Mah, sarà un problema momentaneo e localizzato, invece questa benedetta acqua e camomilla viene segnalata in varie parti di Legnano e a orari differenti…  Ore 11,30 il giornalista Calini della Prealpina mi telefona chiedendomi cosa è successo e cosa sta succedendo, sorpreso dalla cosa, telefono a Palazzo Malinverni dove il centralinista afferma che in mattinata sono arrivate decine di telefonate che chiedevano lumi sull’accaduto. Chiedo di parlare col Sindaco, che al momento risultava indisponibile, con la promessa da parte di uno dei segretari di essere richiamato non appena si fosse liberato, promessa non mantenuta. Bene. Torno a casa e vado sul sito di Cap Holding per capire cosa è successo e dopo aver fatto 3 numeri diversi, un tecnico mi assicura che l’intervento è in corso e la  prima segnalazione dell’anomalia è arrivata intorno alle 9,00 come testimoniato anche sul loro sito;

Chiedo al ‘tecnico’, presentandomi come Consigliere Comunale, di farmi sapere cosa è successo, mi promette una chiamata per le delucidazioni, chiamata che anche in questo caso non è mai arrivata. Il giornalista Marco Calini nel frattempo chiede informazioni all’ufficio stampa di Cap Holding e domani sul giornale troveremo le dichiarazioni dei responsabili… Che storia strana: un sacco di persone segnalano l’anomalia, il sindaco prende sotto gamba la cosa, per fortuna, a quanto pare nulla di grave, nessuna contaminazione pericolosa, con la descrizione solamente di ‘alterazione organolettica acqua potabile’ . Ecco, inviterei il sindaco ad andare a fondo sull’episodio. Stesera invece ho percorso la via Novara fino a Busto e trovo allucinante che dalla rotonda dell’Ospedale fino al confine non ci sia illuminazione, la strada è stretta, con la pioggia si fa fatica a vedere anche quei pazzi che con la bici si mettono in strada su quel pezzo … L’ex sindaco Vitali, nel lontano 2010 alla vigilia dell’inaugurazione del nuovo ospedale, disse che per allargare la strada avevano a disposizione 10 anni, bene, ne sono passati 8 e progetti per l’ampliamento di quella strada cittadina che conduce alla piattaforma ecologica o discarica è ancora in quelle pietose condizioni. Il morto c’è già scappato su quel tragitto, tra 4 mesi comincerà la costruzione del nuovo centro per la trasformazione dell’umido in biometano, cosa aspettiamo ancora ? Serve un altro morto ? Signor sindaco, dia delle risposte ai nostri concittadini legnanesi… Da ultimo, segnatevi sto numero sull’agenda di casa, e utilizzatelo nel caso succeda ancora quello che è successo stamattina….

One comment

  1. C è stato un problema similare lo scorso anno ,ma anche da acqua calda.Chiesta verifica ASST e Amiacque trovata tegolare di acqua fredda acquedotto…su acqua calda problema di ventrale di condominio…

Lascia un commento