L’APPELLO

Se il Prefetto, prenderà per buone le ragioni portate dal sindaco effettivo di Forza Italia durante il finto Consiglio comunale di mercoledi, chiamiamola pure la farsa illegittima che non aveva i canoni per poter essere convocata sapendo che 8 ore prima con la nostra dimissione in blocco si potevano contare solo 12 voti (quindi senza numero legale), se appunto, l’aberrazione giuridica andrà a sotterrare un regolamento democraticamente accettato da anni nel nostro Comune, allora io, che sono un signor Nessuno, che non conosco personaggi potenti ne al Pirellone ne a Roma, passerei ad una preghiera diretta ai miei ex Colleghi leghisti, ne sono rimasti 6 su 10 ora, una preghiera perchè comprendano cosa stanno tenendo in piedi, forse non se ne rendono conto. La preghiera che farò, non è pari a quella che hanno tentato di fare in giunta presso i nostri giovanotti Grattarola e Corio, è una semplice richiesta di responsabilità nei confronti dei legnanesi per bene, e se ce ne fosse la necessità, posso fornire prove incontrovertibili che stanno sostenendo un governo cittadino che non si può vedere, contenente l’anima del conflitto di interessi, e soprattutto, sto governo non ha nulla di leghista, SIETE NELLE MANI DI FORZA ITALIA, UN PARTITO MORTO CHE SOLO A LEGNANO RIESCE AD OTTENERE TUTTO COL 10%. Nemmeno Craxi arrivò a tanto. E allora mi rivolgo a te, caro Federico Colombo, capogruppo della lega e figlio di un assessore (tuo padre) che ha avuto i ‘coglioni’ di denunciare sta pastetta, anche tu eri tra i 130 leghisti che hanno firmato un documento in cui si sottoscriveva IL VETO ASSOLUTO DI INGRESSO DI UN ASSESSORE poichè ancora sotto processo per una causa civile in cui si paventa una truffa ai danni dei cittadini di oltre 22 milioni di euro. Tuo padre, ti ha messo al mondo con un gesto d’amore, forse meglio ascoltare lui con la sua dignità riconosciuta da mezza Legnano, che non le sirene di non so quale farlocca promessa. Sei giovane, e pure intelligente, non posso credere che valga per te un Fratus qualunque piuttosto che tuo padre.

La seconda preghiera, va al mio preferito: Ernesto Bernasconi uno dei pensionati più simpatici di Legnano, forse Ernesto, l’altra mattina ho esagerato nel pregarti al bar, in presenza di signore sorridenti, il mio disappunto per il tuo appoggio incondizionato a Fratus, non se lo merita ne lui ne chi gli sta di fianco, il sacrificio di 4  Consiglieri eletti, non ti fa rodere un po l’anima ? Non ti inquieta sta cosa ? Sei una persona specchiata, lo si vede e capisce dai tuoi sguardi e dai tuoi sorrisi, non permettere di far compiere delle cose di cui poi te ne sentiresti pentito. Prevenire è meglio che curare. Forza Ernesto, è la tua Legnano che te lo chiede…

Stefano Carvelli, abbiamo avuto modo di scambiare un po di idee in questi 20 mesi di permanenza a Palazzo Malinverni, ecco, se per te è tutto ok, facci un fischio, 4 dei tuoi sono scappati, anche tu come Federico ed Ernesto, hai firmato quel famoso documento dei 130 iscritti alla sezione di Legnano, poi, invece che cacciare gli stranieri, vi siete fatti cacciare fuori voi dalla vostra città, questa è una buonissima occasione per un impeto di orgoglio…

Poi ci sono le tre donne, Luisella Rotondi, Floriana Fantini, Ornella Caimi, ragazze, oramai non siete più di primo pelo, e in genere non vi fate mai mettere i piedi in testa da nessuno, Salvini è il vostro mito, ma a Legnano i salviniani vengono vergognosamente sopraffatti dai berlusconiani, fuori le palline anche voi, avete il simbolo che tira come un toro da monta, non avete bisogno di compagni di merende così, Legnano ed il suo Alberto da Giussano, meritano molto di più. Mandate a casa gli stranieri, e valorizzate i vostri compagni legnanesi, non è la filosofia che praticate? Applicatela. Visto che siete ancora Consigliere con la C importante, non fatevi prendere per il naso, ve lo consiglia un medico di famiglia, un farmacista, una professoressa, un giovane laureato. E se non ricordo male, anche voi tre firmaste il famoso documento dei 130 prima di cimentarvi nella campagna elettorale. Una firma, una stretta di mano, valgono anche la dignità di essere donne…

Le foto sono nei vostri profili pubblici di facebook, pensateci, qui non è questione di essere maggioranza o opposizione, si tratta di destini importanti per la vostra Legnano. Prima di iniziare qualsiasi pensata su come uscire da questa situazione, cantatevi a squarciagola un bel Me car Legnan… Funziona !

One comment

Lascia un commento