CI SIAMO PRESI UNA BELLA CHIAVATA

 

Ci siamo presi una bella chiavata va… Nell’ordine Antonio Guarnieri, Federica Farina, Stefano Quaglia, Daniele Berti e Andrea Grattarola… In seconda battuta anche Sara Borgio, Umberto Taormina e Rosaria Rotondi ma anche Marco Bianchi… Pochi giorni prima di presentare le liste sia io che Guarnieri e Quaglia eravamo li li per dare il benservito all’avvocato, io poi l’ho fatto perchè l’11% lo si poteva immaginare e con gli ingressi dell’ultima ora, lo si poteva certificare… Ma il problema non è che non saremo più in Consiglio, ma se vince Toia, sarà come dire: ‘ma cosa è successo di strano ?’ . Quattro consiglieri dimissionari hanno azzerato la giunta con la collaborazione dell’intera opposizione, hanno creato insieme il Comitato Legalità e poi hanno gettato al vento l’idea più unica che rara di creare un fronte unito…

Cari coniugi Guarnieri… Che scoppola rimanere soli a sostenere un candidato sindaco con cui si è lavorato per mesi e mesi, e tu Stefano ? Come hai pensato di rimanere in un gruppo dove le iniziative arrivavano solo dal candidato number one e si doveva solo obbedire alle bizze ? Bene, incassiamo anche questa esperienza….

Se vince Radice, la vittoria sarà di una città che dice no ai giochini di palazzo, una vittoria da dedicare a Rosaria Rotondi, la migliore di tutti noi, se perde Radice (che ai punti sovrasta per esperienza e personalità la sua avversaria) abbiamo perso tutti noi, noi che non amiamo le pastette, noi che desideriamo la trasparenza, perchè il bene comune non è un privilegio da gestire, ma un’occasione per dimostrare che ‘insieme si può fare’… Sta chiavata che ci siamo presi deve anche farci capire in che luogo siamo e deve anche insegnarci che politica la si fa tutti i giorni facendo una piccola cosa per ciò che è di tutti e va salvaguardata. Riconoscere i propri errori o le scommesse perdute, è da uomini e donne maturi, la vita non riserva solo gioie, spesso grattacapi e nella norma anche chiavate, appunto come quella che abbiamo incassato…

Sursum Corda

Lascia un commento