ATTENZIONE AL CORONAVITA !!

 

Sette mesi di prime pagine sulla pandemia dello zero virgola, ora arriva la buona notizia: gli uomini e le donne malgrado restrizioni, distanziamenti sociali, sanificazioni e maschere-museruola, continuano a scopare, a farsi le coccole e da un minuscolo seme quanto un virus, fanno nascere migliaia e migliaia di bambini e bambine, bellissimi, stupendi come il mistero della vita. Un cantante diceva ‘da che punto guardi il mondo tutto dipende’ e la storia è proprio così: ad oggi, tutti i giorni nel mondo nascono mediamente 400.000 bambini, si ho detto quattrocentomila, belli tatoni e tatone, con i loro occhi castani, verdi, azzurri, gialli, e con la loro delicata pelle bianca,  nera, mulatta, giallina, olivastra… E’ li l’emozione della vita, loro non sanno ancora cosa li aspetta, ma hanno voglia di coccole, di seno materno, di calore, di sguardi, di sorrisi…Che bella la vita, anche se non si nasce figli di Agnelli… Se non ci credete, aprite questo link:

https://www.worldometers.info/it/

è pieno di statistiche interessanti, la Vita va avanti, il Coronavita è più forte di qualsivoglia malattia. Se non ci credete, potete, restringendo il campo delle informazioni, affidarvi alle statistiche europee, anche li, migliaia e migliaia di bambini nascono tutti i giorni, gli orgasmi non sono solo dei milioni di solitari, ma danno anche loro il messaggio straordinario dell’amore, guardate qui…

http://popolazione.population.city/world/eu

mamma mia, 7 milioni di bambini nati in Europa dal primo gennaio 2020, il famoso ‘annus horribilis’…

Se poi non vi convincete ancora, restringiamo ancora di più il campo e guardiamo nel nostro Paese: in Italia, tutti i santi giorni nascono circa 2000 bimbi, i teneri bimbi, dalla Valle d’Aosta alla Sicilia, e le emozioni del CoronaVita sono straordinarie, date retta a un cretino, la vita parte da un gesto d’amore, non trastullatevi il cervello con pensieri tragici, ogni giorno va vissuto, e bene, credete al CoronaVita, darà certamente più soddisfazioni…

https://www.italiaora.org/

Lascia un commento