LA VECCHIA EDICOLA DI LEGNANO

 

Siamo a cavallo tra il ’62 ed il ’63, il tram che percorreva l’intera Pietro Micca da piazza Frua fino al confine di Castellanza per poi proseguire fino a Gallarate, era stato soppresso oltre 10 anni prima, poi piano piano, tolsero le rotaie, nella foto, non un gran traffico, il senso unico venne istituito agli inizi degli anni 70… Vi siete mai chiesti perchè la via Micca fa quella strana curva tra via Cavour e via Calatafimi ? Semplice, in quel tratto il binario si raddoppiava per lo scambio dei treni che si incrociavano sul binario unico, e li vi era quindi la fermata, la prima fermata, dopo la stazione centrale nei pressi di via Matteotti in angolo con Largo Tosi. Li, c’erano le case operaie del Carlo Dell’Acqua e tutta la tessitura che occupava l’isolato Cavour, Micca, Vittoria, 29 maggio… Il tram cominciò a passare di li nel 1881 quando si completò la tratta da Legnano centrale a Gallarate, passando anche per il centro di Busto.

Quell’edicola con ogni probabilità è la più antica di Legnano, gestita negli ultimi 40 anni da Maurizio Cossu e sua moglie, precedentemente da bambino ricordo delle signore anzianotte che gestivano il chiosco per poi essere passato alla famiglia Moretto del famoso ‘Lallo’ e sua moglie Mariuccia… Non ho documenti nè foto per affermare che quel chiosco sia il primo ed ancora esistente, ma ho la certezza che in quel luogo , vista la farmata del tram, abbia sempre funzionato da edicola e vendita di biglietti, meno facilmente da bar ausiliario, anzi, escluderei l’ipotesi, sarebbe stato stupido rinunciare poi alla licenza che in quel luogo valeva oro, aggiungo allora un paio di foto che hanno la mia età, in cui si vede il nuovo grattacielo di piazza Mocchetti e il vecchio bar Olona all’angolo con via Calatafimi, le foto mi sono state donate da Antonietta Facchin che ringrazio a nome di tutti gli appasionati di storia locale.

Notare la ciminiera della tessitura Dell’Acqua, Lissoni Castiglioni e il verde della villa dei Gandellini poi abbattuta per costruire il palazzo che insiste tra via Micca e via Roma…

A destra in alto il vecchio bar Olona e si vede l’ovale del ‘Santino Poretti’, spaccio alimentare negli anni ’60 e ’70, indimenticabile per chi ha vissuto in quella zona in quegli anni…

Lascia un commento