MI ACCORSI DEL MIGLIOR SINDACO

 

Dopo due anni di digiuno, ieri sera ho seguito una conferenza tenutasi al Leone da Perego sulla figura del Sindaco legnanese ing Luigi Accorsi, primo cittadino dal 24.1. 1961 fino all’estate del 1975. Il tema della serata era più incentrato sui gemellaggi tra città del mondo di cui il nostro ex Sindaco è stato grande promotore assieme all’altro primo cittadino di Firenze Giorgio La Pira. La foto che vedete in alto me l’ha appena girata su fb il nipote Andrea, giornalista per il quotidiano online Malpensa 24 e in questa foto ho trovato la tenerezza del nostro ex Sindaco non ancora cinquantenne con suo figlio Pier Luigi deceduto proprio due giorni fa dopo una lunga vita. Il nostro ex Sindaco ebbe vita più breve, 70 anni giusti giusti e riposa nel cimitero monumentale di corso Magenta. Ieri sera, tra le tante cose dette, quella che mi ha emozionato di più è stata la proposta di scrivere un libro sulla figura del Sindaco più duraturo del dopoguerra, che ha visto trasformare Legnano da città delle tute blu alla Legnano post industriale, inanellando una serie di Opere Pubbliche che solo Lui con una specie di superpotere è riuscito a realizzare. Se penso ai primi giardini pubblici delle scuole Mazzini, (’62) che sconvolsero in qualche modo la vita legnanese dell’epoca, spostando l’evento della fiera di novembre da li all’area adiacente al Castello, regalando alla zona un vero parco giochi, per poi concludere nel 1975 con l’inaugurazione del Parco castello, ecco, da questo si capisce l’escalation di successi messi in bacheca per i futuri legnanesi. Le nuove scuole Mazzini, Dante Alighieri, Franco Tosi furono varate da Lui, il sottopasso centrale nel ’65, il verde dell’area ex dell’Acqua, lo salvò lui quando si mise di traverso ad un progetto già pronto per la colata di cemento arrivata negli anni successivi nella ex Cantoni… Nuovo Liceo c’era lui, girdini del vecchio mini zoo c’era lui, l’Accam per lo smaltimento dei rifiuti con i suoi progetti futuristici poi in parte disattesi è stato lui protagonista, il depuratore delle Cascinette, la riapertura della Piscina comunale, la prima casa di riposo poi a lui intitolata… Per non parlare dei kilometri di fognature, l’apertura del Sabotino, l’inaugurazione del monoblocco del vecchio ospedale… Edilizia popolare nei nuovi quartieri, Lui acquistò il Castello e villa Bernocchi per la biblioteca, insomma, sto Sindaco con la S maiuscola tra i 55 e i 70 anni fu un carro armato per la città del carroccio. Poi, terminò i suoi 15 anni di carica e ci lasciò dopo pochi mesi… Già altre volte mi è capitato  di parlare di Lui in altri post, se siete dei curiosoni, ve ne linko qualcuno, prossimo step, un libro che lo celebri, se lo merita.

https://danieleberti.it/2022/02/dedicato-federico-accorsi

https://danieleberti.it/2016/10/e-durata-solo-40-anni

https://danieleberti.it/2018/11/santi-legnanesi

Lascia un commento